Perchè i centri sportivi sono dei luoghi sicuri?

Perchè i centri sportivi sono dei luoghi sicuri?

Dopo il periodo di lockdown che abbiamo vissuto tra marzo e maggio siamo tutti impauriti dal virus che non accenna a sparire ed anche di possibili nuove strette.

Leggiamo sui giornali le informazioni, non sempre contestualizzate, di chiusure di vari settori tra cui le palestre, piscine e centri sportivi.

Proviamo a fare un viaggio, con concretezza e razionalità, per capire realmente quali sono le possibilità e gli strumenti che le strutture sportive oggi possono mettere in campo per ridurre il rischio di contagio e per tracciare eventuali focolai.

1) La sanificazione
Per prima cosa notiamo come tutte le strutture hanno attuato dalla riapertura importanti protocolli di igienizzazione e sanificazione delle strutture. E’ bene ricordarsi che la pulizia nei centri sportivi è tra i focus costanti di titolari e gestori, anche in epoca pre-covid. Luoghi aperti dalle 14 alle 24 ore al giorno e con un continuo cambio di utenti necessita sempre di pulizia continuativa. Facciamo notare come la pulizia delle palestre e piscine sia tra l’altro tra le ricerche più frequenti che gli utenti fanno sui motori di ricerca quando devono valutare la struttura prima di iscriversi. Quindi l’organizzazione per una sanificazione e pulizia degli ambienti è stata già rodata da tempo e con il coronavirus ulteriormente potenziata.

Coronavirus GIFs - Get the best GIF on GIPHY

2) Attenzione al contingentamento degli spazi
Per evitare assembramenti e mantenere spazi liberi adeguati sono stati ridotti i numeri di partecipanti ai corsi ed alle attività libere. La maggior parte delle attività inoltre sono diventate a prenotazione per permettere di accedere alle strutture sapendo in anticipo se c’è lo spazio per allenarsi in sicurezza.

3) Riduzione dei contatti

Per ridurre le occasioni di contatto c’è stato un forte incremento nel fornire strumenti di self service ai propri utenti come la nostra APP. Di fatto si è portata la segreteria nelle tasche e nei computer dei propri iscritti per permettere loro, in autonomia, di verificare le proprie scadenze oltre alla prenotazione online delle lezioni e degli spazi.

LA ministra  combatte il civico e 19 nel 2020  Cartoline  divertenti Immagini divertenti Gif divertenti

4) Il controllo accessi
Il controllo dei varchi con lettori è oggi uno strumento fondamentale per esser sicuri in modo oggettivo di chi accede alla struttura sportiva e non lasciare alla scelta soggettiva di chi controlla se far entrare o meno una persona. In questo modo c’è il rispetto rigoroso degli orari previsti per l’ingresso, ed anche l’uscita se il controllo si estende anche ad essa, oltre che poter tracciare e memorizzare, come previsto dalla norma in vigore, le persone che accedono all’impianto e poterle rintracciare se necessario. Il tutto con dispositivi contactless come tessere e dispositivi

5) Mettere in sicurezza il trainer

Nella sala pesi si è visto un incremento di un trend già in crescita negli ultimi 5 anni, quello delle app per le schede di allenamento. Grazie a strumenti sempre più centrati sull’utente è possibile per il trainer fornire la scheda di allenamento direttamente nell’APP del suo cliente e lo stesso ha la possibilità anche di indicare gli esercizi che sta eseguendo. In questo modo il trainer è aggiornato in tempo reale sull’andamento del piano che ha consegnato al suo cliente e può interagire online direttamente con lo sportivo, evitando passaggi di schede cartacee conservate magari in schedari comuni, oltretutto non in regola con il GDPR sul trattamento dei dati.

E che succede se c’è qualche caso di coronavirus tra i frequentanti la palestra e piscina?

Dont Panic GIFs - Get the best GIF on GIPHY

E’ un’ opzione da valutare e che i medici che seguono gli impianti sportivi possono aiutare a gestire.
Con il numero di persone asintomatiche in aumento non è da escludere infatti il caso di possibili positivi che sono venuti in contatto con altri utenti a loro insaputa.
Come comportarsi in questi casi? Fermo restando il pieno rispetto delle normative statali e locali in atto scendiamo un po’ sul pratico con dei suggerimenti operativi.

L’utente Federico mi segnala che è risultato positivo ad un tampone e proprio ieri alle 10.30 è entrato in palestra per fare un corso di indoor cycling. Dopo aver avvisato le autorità locali e seguire tutte le loro indicazioni vediamo come fare per poter rintracciare e comunicare agli utenti che potrebbero esser stati in contatto con Federico e come mettere in sicurezza anche gli altri utenti per ridurre la possibile diffusione del contagio.
Ho il controllo accessi e cerco quindi tutte le persone che sono entrate nella stessa fascia oraria di Federico e che lo stesso potrebbe aver incontrato nello spogliatoio. Oltre a queste sicuramente cerco anche le persone che hanno fatto il corso di indoor cycling. 
E’ possibile inserire un blocco ai tornelli a queste persone per evitare il loro ingresso per i successivi 14 giorni se si vuole introdurre un tempo di sicurezza. 

Quanto sopra illustrato è un esempio ma serve per chiarire quanto un centro sportivo può esser molto più sicuro di altri luoghi aperti al pubblico e dove non riesco a tracciare con questa precisione i flussi ed evitare l’accesso ai possibili positivi asintomatici o ancora nella fase di incubazione.

Alleniamoci quindi in sicurezza, mantenendo le distanze e le indicazioni degli istruttori e dello staff dei centri sportivi ed affrontiamo con la massima attenzione e serenità questo periodo complesso ma non impossibile da superare con la collaborazione di tutti. E’ importante in questo percorso di convivenza con il virus che ci sia una forte responsabilizzazione di tutti perché solo comunicando eventuali contagi o possibili tali è possibile informare e permettere agli interessati di farsi controllare e ridurre la diffusione del virus.